Prodotti e materiali da costruzioni

Il Regolamento 305/2011/CE definisce “prodotto da costruzione”, ogni tipo di materiale destinato ad essere inglobato stabilmente in una costruzione o in un’opera di ingegneria civile.

Un Regolamento europeo è legge in tutti i Paesi dell’Unione Europea, non necessita di essere recepito dai singoli stati, come avviene invece per le direttive, deve essere rispettato da tutti, sia dai cittadini che dalle istituzioni e dalle autorità di controllo.

Ecco un video sulla marcatura CE dei materiali da costruzione

Il Regolamento 305/2011/CE stabilisce che:

1 ogni prodotto o materiale da costruzione debba essere marcato CE

2 ogni prodotto o materiale da costruzione possa essere marcato CE, se per esso esiste una norma armonizzata o un ETA, che è una norma richiesta dal produttore per un proprio prodotto

Un prodotto o materiale da costruzione, per il quale non esista una norma armonizzata, non può essere marcato CE, e rientra nella più generale direttiva 2001/95/CE “sicurezza generale dei prodotti”.

Il Regolamento 305/2011/CE ha introdotto l’obbligo della dichiarazione di prestazione, che viene redatta e sottoscritta dal produttore e deve contenere le prestazioni essenziali del prodotto, che sono indicate dalla norma armonizzata. Le prestazioni devono essere indicate chiaramente e non come conformità alla norma, come era richiesto in passato. Ora il cliente deve essere messo a conoscenza delle esatte prestazioni del prodotto prima dell’acquisto.

Questa innovazione è molto importante, purtroppo però si accompagna con il fatto che tutte le norme nazionali non hanno alcun valore per il Regolamento 305, quindi molti prodotti che in passato dovevano e potevano essere marcati CE, oggi non hanno più questa possibilità e dovranno attendere la loro norma armonizzata. Un esempio per tutti: le reti paramassi, che da decenni vediamo proteggere le nostre montagne, oggi non possono essere marcate CE, e questo crea molti disagi a molti produttori e scontate sperequazioni.

Molte norme armonizzate prevedono nel metodo di attestazione di conformità l’obbligo di intervento di un organismo notificato, questo vale soprattutto per i prodotti strutturali, ma non sono solo questi ad avere l’obbligo di marcatura CE.

Gli organismi notificati sono individuabili nel sito europeo denominato NANDO, solo i soggetti presenti in questo elenco possono emettere certificati riconosciuti dalla legge in relazione alla marcatura CE.

ATTENZIONE però, un certificato di qualsiasi tipo sia, può far parte della marcatura CE, ma non la sostituisce mai.

Il fabbricante rimane l’unico soggetto che la legge chiama a rispondere sulla sicurezza dei suoi prodotti e sulla correttezza della marcatura CE.

Il fabbricante non deve commettere l’errore di ritenere che un certificato sia sufficiente a soddisfare i requisiti di legge, che chiede sempre la marcatura CE.

La C&C s.a.s. è al Vostro fianco per realizzare il fascicolo tecnico che rappresenta sul piano documentale l’intera marcatura CE.